Pietro e Maddalena : una presa di coscienza

5 maggio 2018Lorenzo Cuffini

Scritto da CHIARA BERTOGLIO.

 

Fra le innumerevoli Passioni che riproducono, con maggiore o minor fedeltà, e con un numero più o meno grande di interpolazioni, la narrazione evangelica della Passione di Cristo, quella posta in musica da Nicolò Jommelli merita una citazione per la grande potenza drammatica della scrittura.

Proveniente dalla grande scuola operistica napoletana, che si affermò in tutta Europa nel Settecento grazie alla vivacità dei suoi caratteri ed alla brillantezza delle situazioni, Jommelli seppe tradurre la sua maestria di compositore in un linguaggio potente e vigoroso al servizio del racconto della Passione di Cristo. La sua versione è piena di colore, di immedesimazione; gli “affetti” evocati dalla musica hanno l’obiettivo di muovere il cuore degli ascoltatori, di portarli a chiedere pietà e compassione, di suscitare in loro la devozione e la contrizione. A volte, a questo fine, il linguaggio del libretto e della musica divengono fin troppo evocativi per gli ascoltatori odierni; tuttavia, è innegabile la grande forza emotiva di questa straordinaria composizione.

 

 

Bellissimo, in particolare, l’immaginario duetto GIA’ CHE MI TREMI IN SENO (il cui testo è disponibile qui) fra Pietro e Maddalena, entrambi sconvolti dalla presa di coscienza del proprio errore e del proprio peccato, la cui redenzione è plasticamente raffigurata nella sofferenza salvifica di Cristo. Entrambi sono personaggi profondamente innamorati di Gesù e quasi annichiliti dal male commesso; tale realizzazione, tuttavia, non provoca una sterile disperazione, bensì un amore ancora più profondo, rinnovato e purificato, che a sua volta si riverbera sull’ascoltatore, condotto a meditare sul proprio peccato e ad associarsi alla loro richiesta di perdono. L’unione della voce maschile e di quella femminile sembrano perciò rappresentare un equivalente più moderno della coppia dei progenitori, Adamo ed Eva, e porsi come simbolo dell’intera umanità, decaduta e redenta.

  • Nicolò Jommelli , Vi sento o Dio Vi sento, da “La Passione del Nostro Signor Gesù Cristo”

https://www.youtube.com/watch?v=nS5LKuFJcm4