Quando a riscrivere è don Tonino…

21 aprile 2018Lorenzo Cuffini

 

 

Scritto da  LORENZO CUFFINI.

In occasione della visita di papa Francesco nei ” luoghi di” don Tonino Bello  per l’anniversario numero venticinque della sua morte, ricordiamo questo profeta di speranza, come è stato definito, nella sua veste di scrittore: anzi, di riscrittore.

Don Tonino , in tutta la sua abbondante produzione letteraria, ha frequentemente riletto – e talvolta ” riscritto” – figure, pagine e temi della storia sacra, nel tentativo appassionato – secondo la sua indole e il suo stile – di attualizzarle . Farcele  scoprire in modo nuovo, farne risuonare  armonie inattese, rendercele sorprendentemente vicine e nostre. Non tutti, va da sé, lo hanno apprezzato in questo: qualcuno ci ha visto anche un certo compiacimento e una qualche forzatura. Sta di fatto che la riscrittura di don Tonino è perfettamente omogenea e coerente con tutto il suo modo di vivere e proporre il cristianesimo: incarnato nella dimensione quotidiana , per forza di cose tuffato nella concretezza delle nostre storie. Attualizzato perché sempre, continuamente, attuale: trattandosi di fede viva, cioè di vita vera.

Come ha ricordato efficacemente un’amica qualche giorno fa: se non attualizziamo, mettiamo in formalina.

Buona lettura.

 

 

Dimmi, Giuseppe, quand’è che hai conosciuto Maria? Forse un mattino di primavera, mentre tornava dalla fontana del villaggio con l’anfora sul capo e con la mano sul fianco, snello come lo stelo di un fiordaliso? O forse un giorno di sabato, mentre con le fanciulle di Nazaret conversava in disparte, sotto l’arco della sinagoga? O forse un meriggio d’estate, in un campo di grano, mentre abbassando gli occhi splendidi, per non rivelare il pudore della povertà, si adattava all’umiliante mestiere di spigolatrice? Quando ti ha ricambiato il sorriso e ti ha sfiorato il capo con la prima carezza, che forse era la sua prima benedizione e tu non lo sapevi; e poi tu la notte hai intriso il cuscino con lacrime di felicità? Ti scriveva lettere d’amore? Forse sì; e il sorriso con cui accompagni il cenno degli occhi verso l’armadio delle tinte e delle vernici mi fa capire che in uno di quei barattoli vuoti, che ormai non si aprono più, ne conservi ancora qualcuna.

Poi una notte hai preso il coraggio a due mani, sei andato sotto la sua finestra, profumata di basilico e di menta e le hai cantato sommessamente le strofe del Cantico dei Cantici: «Alzati amica mia, mia bella e vieni! Perché ecco, l’inverno è passato, è cessata la pioggia, se n’è andata. I fiori sono apparsi nei campi, il tempo del canto è tornato, e la voce della tortora ancora si fa sentire nella nostra campagna. Il fico ha messo fuori i primi frutti e le viti fiorite spandono fragranza. Alzati amica mia, mia bella e vieni! O mia colomba, che stai nelle fenditure della roccia, nei nascondigli dei dirupi, mostrami il tuo viso, fammi sentire la tua voce, perché la tua voce è soave e il tuo viso è leggiadro» (Ct 2,10-14). E la tua amica, la tua bella, la tua colomba si è alzata davvero. È venuta sulla strada, facendoti trasalire. Ti ha preso la mano nella sua e mentre il cuore ti scoppiava nel petto, ti ha confidato lì, sotto le stelle, un grande segreto. Solo tu, il sognatore, potevi capirla. Ti ha parlato di Jahvè. Di un angelo del Signore. Di un mistero nascosto nei secoli e ora nascosto nel suo grembo. Di un progetto più grande dell’universo e più alto del firmamento che vi sovrastava. Poi ti ha chiesto di uscire dalla sua vita, di dirle addio e di dimenticarla per sempre.

 Fu allora che la stringesti per la prima volta al cuore e le dicesti tremando: «Per me, rinuncio volentieri ai miei piani. Voglio condividere i tuoi, Maria. Purché mi faccia stare con te». Lei ti rispose di sì, e tu le sfiorasti il grembo con una carezza: era la tua prima benedizione sulla Chiesa nascente. […] Io penso che hai avuto più coraggio tu a condividere il progetto di Maria, di quanto ne abbia avuto lei a condividere il progetto del Signore. Lei ha puntato tutto sull’onnipotenza del Creatore. Tu hai scommesso tutto sulla fragilità di una creatura. Lei ha avuto più fede, ma tu hai avuto più speranza. La carità ha fatto il resto, in te e in lei. “
________________________________

 

  • Tratto da :  Lettera a San Giuseppe  in  “Il vangelo del coraggio. Riflessioni sull’impegno cristiano nel servizio sociale e nella politica” di Antonio Bello, San Paolo Edizioni.